contatore stats SE NON VEDI CIVITA, NON CONOSCI LA CALABRIA. I RUSSI ALLA SCOPERTA DEL POLLINO | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

 

SE NON VEDI CIVITA, NON CONOSCI LA CALABRIA. I RUSSI ALLA SCOPERTA DEL POLLINO

panorama-civita2

CIVITA (CS) – «Se mi dicono: “sono stata in Calabria ma non ho conosciuto Civita” io gli direi: “tu non hai conosciuto la Calabria. Se vieni qui ci lasci un pezzo del tuo cuore”».

Le parole sono di Svetlana uno dei trentasei tour operator russi approdati a Civita ed ospiti del Consorzio Turistico “Borghi del Pollino”. Gli operatori turistici russi sono stati accolti dal neosindaco, Alessandro Tocci, che ha guidato gli operatori dell’est europa che da qui a breve si occuperanno dell’incoming di flussi turistici verso la cittadina arbereshe dell’area protetta del Parco del Pollino. Sono stati loro mostrati ristorazione e servizi di escursionismo e transfer, la modalità di accoglienza proposta ai turisti. Un vero e proprio pacchetto d’eccellenza che ha permesso ai tour operator stranieri di spaziare dalla gastronomia del territorio, alla conoscenza approfondita delle bellezze naturali ed avventurose dell’area, con un’intensa escursione che partendo da Civita ha fatto conoscere agli operatori turistici la Timpa del Demanio, il Santuario della Madonna delle Armi a Cerchiara, l’abitato di San Lorenzo Bellizzi, le Gole del Raganello ed il Ponte del Diavolo. L’accoglienza dei tour operator, nella mattinata ricevuti sulla terrazza del belvedere di Civita e la sera a ridosso della piazza centrale della comunità arbereshe, si è trasformata in una vera e propria festa popolare allietata dalle musiche tradizionali di Tonino Palazzo (Chitarra), Giovanni Stabile (fisarmonica) e Angelo Le Rose (zampogna, tamburello e voce) che hanno contribuito ad ammaliare il gruppo numeroso di operatori turistici provenienti dalla Russia.  «Da venerdì scorso siamo in Calabria, ma tutto quello che abbiamo visto non vale niente di fronte a quello che ci ha proposto Civita» ha dichiarato Oksana Khoma a nome del gruppo di operatori stranieri che hanno salutato il consorzio con il tipico “Dasvidania”. Un Arrivederci ben augurante per future ed imminenti collaborazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.