contatore stats Rende Calcio Settore Giovanile | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

 

Rende Calcio Settore Giovanile

               “ C’è un grande prato verde

                             dove nascono speranze

                                           che si chiamano ragazzi

                                                          quello è il grande prato dell’amore”

Sport – 09/06/2014 Giandomenico Sica 

1465278_582514098491187_950326876_nEra il 1967 ed erano gli anni in cui qualcosa in Italia cominciava  a cambiare, si prendeva coscienza di quanto accadeva nel mondo e si voleva lottare per cambiarlo. Gianni Morandi in una della sue canzoni più belle e riuscite, inizia cantando quei versi e citando quel rettangolo verde dove forse gli italiani sono capaci di rendere al meglio. E forse la cosa per la quale siamo più rispettati e ammirati nel mondo. Le speranze si chiamano ragazzi e il rettangolo verde è il grande prato dell’amore. Perché solo chi sogna correndo dietro a un pallone può capire il significato di questi splendidi versi.

Le speranze sia nel calcio che nella vita di tutti i giorni sono i bambini, i ragazzi. Siamo partiti da qui perché vogliamo farvi conoscere le speranze di domani. Sia nel rettangolo verde che nella lotta della vita. Il nostro tour parte dal settore giovanile del Rende Calcio del presidente Fabio Coscarella. Lo storico Stadio “Marco Lorenzon” ci accoglie come se fossimo di casa. Non possiamo non innamorarci subito di questa flotta di bambini/ ragazzini che corrono come formichine e si lanciano senza paura dietro a questo pallone rotolante. Nel loro teatro dei sogni : il “Lorenzon”.

Ernesto Salerno  allena i 2007/08/09 : <<Contentissimo dei miei gruppi, lavoriamo con tanta passione e impegno>>

Danilo Angotti allena i primi calci: <<Noi quest’anno siamo ripartiti da zero. Nuovo organigramma tecnico e precisa decisione della società è stata quella di prendere allenatori che abbiano indossato e amato la maglia del Rende. Vorremmo creare una Cantera. Mi preme sottolineare che noi siamo insieme al Cosenza Calcio l’unica società che può vantare una vera e propria storia calcistica. Abbiamo partecipato al Torneo dell’ Epifania e nonostante un po’ più piccoli degli altri abbiamo comunque tenuto testa e ci siamo classificati a metà classifica. Siamo arrivati primi alla XV Festa Regionale Fun Football” domenica 1 giugno a Catanzaro>>.

 Allenatore dei pulcini (2003/2004) abbiamo Francesco Mendicino, che dopo trascorsi a stravincere nel calcio a 5 è tornato al suo primo amore : il rettangolo verde. Com’è stato il ritorno mister ? << Stupendo, come dicevi tu sono tornato al primo amore. Esperienza magnifica, sono felicissimo di star con loro e vederli crescere giorno dopo giorno. Una gioia immensa. Sono soddisfazioni indescrivibili sia per me che per il mio inseparabile dirigente Silvio Falvo. Noi lavoriamo con amore e dedizione e i risultati ci stanno dando ragione. Anche se consentimi di dire che a parte i risultati sul campo che ovviamente fanno molto piacere, ciò che ci interessa di più è la crescita umana dei ragazzi. Il campo è giudice, ma ci interessa di più instradarli per la loro vita futura. Rispetto e passione sono i nostri comandamenti. Abbiamo 14 bambini fantastici. Soddisfazione immensa per noi, ma soprattutto per loro stessi. Abbiamo concluso nelle prime posizioni sia il “Torneo Invernale FIGC” sia il “Torneo Sei Bravo a Scuola Calcio” mancando la qualificazione per pochi punti. Ora stanno disputando il “Torneo Primaverile FIGC” e, ad oggi, siamo primi in coabitazione con il Marca (allenato da  Marulla) ed il Taverna di  D’Acri allenato da Malvasi. Sono orgoglioso di tutti i ragazzi. Ho visto il raggiungimento di una crescita straordinaria di un gruppo unico. Faccio i miei più sentiti complimenti a tutti voi. Vi voglio bene ragazzi>>.

Allenatore degli esordienti (2001/2002) Guido Cristiano, anche lui ex bandiera del Rende <<  Il mio è un gruppo importante cresciuto con me da tre anni a oggi, giorno per giorno. Onore a tutto il gruppo nel quale spiccano delle individualità che potranno crescere e migliorarsi ancora di più. Abbiamo vinto il proprio girone del Torneo Primaverile FIGC. Molti dicono che questa fase del campionato non ha alcuna importanza perché fine a se stessa. Io, invece, dico che quello che abbiamo fatto in questa fase di campionato ha dello straordinario. Come siamo arrivati al risultato è fantastico. Ragazzi lasciatemi dire che guardarvi giocare è veramente un piacere, sono orgoglioso di voi e vi ringrazio di avermi sopportato un anno intero. Non so ancora se le nostre strade si incontreranno ancora, ma io portero’ sempre nel mio cuore ognuno di voi.Vi voglio bene >>

Chiudiamo con i Giovanissimi Regionali dove al timone ci sono gli stessi Mendicino e Cristiano : “ Questo dei Giovanissimi Regionali è un altro gruppo nuovo e siamo ripartiti da zero. I ragazzi hanno  lavorato tantissimo. Siamo stati la sorpresa del campionato e sinceramente vogliamo continuare a stupire ed a sognare qualcosa di più bello e più grande”.

Dopo tanti addetti ai lavori siamo saliti sulla tribuna del Lorenzon e un tifoso storico del Rende nonché portavoce dei genitori, Costantino Greco,  ci ha voluto lasciare un pensiero : << Io ho due figli che indossano questa gloriosa maglia : uno nei piccoli amici e uno nei pulcini. Il Rende è una grande società ed è soprattutto una grande famiglia. Società modello per quanto riguarda l’organigramma, la storia, la serietà e la preparazione dei misters e come ti dicevo prima soprattutto per l’armonia e l’affetto che ci legano con il  Presidente e con tutti gli altri collaboratori>>. Abbiamo iniziato con Gianni Morandi e vogliamo concludere con un mostro forse ancora più sacro : Francesco De Gregori. Se per Morandi nel grande prato verde nasceranno speranze, per De Gregori “Nino cammina che sembra un uomo, con le scarpette di gomma dura, dodici anni e il cuore pieno di paura. Ma Nino non aver paura a sbagliare un calcio di rigore, non è mica da questi particolari che si giudica un calciatore, un calciatore lo vedi dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia”. Siamo sicuri che molti di questi ragazzi tireranno un calcio di rigore e  anche se mai lo sbaglieranno lo ritireranno ancora. Coraggio, altruismo e fantasia.Adelante ragazzi.
 

  1. Complimenti per il bellissimo blog, mi permetti una domanda ? qual è il codice che hai utilizzato per inserire il pop-up di facebook (intendo la finestrella per mettere like) ne ho cercati tanti in giro ma non ne ho trovato nemmeno uno funzionante. grazie e ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.