contatore stats OMICIDIO A MONTALTO UFFUGO, UCCISO UN RAGAZZO DI 29 ANNI. L’AUTORE SI È COSTITUITO | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

 

OMICIDIO A MONTALTO UFFUGO, UCCISO UN RAGAZZO DI 29 ANNI. L’AUTORE SI È COSTITUITO

MONTALTO UFFUGO (CS) – Il giovane è stato ucciso mentre si trovava davanti l’ufficio postale nella frazione di Vacarizzo intorno all’una di notte

ca51dadc4714ea79d1ebbe6016174076_L

Omicidio nella notte scorsa a Montalto Uffugo dove un giovane di 29 anni, Stanislao Sicilia, è stato ucciso nella piazza principale del centro in provincia di Cosenza mentre si trovava in compagnia di altri giovani. Da quanto riferito dagli inquirenti Sicilia aveva alcuniprecedenti penali e pare gravitasse in ambienti di criminalità.

Le indagini sono affidate alla squadra mobile di Cosenza che sarebbe sulle tracce dell’assassino. Diverse le piste che vengono seguite dagli investigatori e che vanno dalregolamento di conti ad una lite per motivi di rivalità in amore. Nessuna tesi al momento viene esclusa. Dopo l’agguato il giovane è stato immediatamente soccorso e trasportato presso l’ospedale dell’Annunziata dove però vi è giunto già cadavere.

La vittima stava ascoltando della musica all’interno della sua Smart quando avrebbe visto arrivare l’auto di un 31 enne, con il quale aveva avuto delle discussioni nei giorni scorsi, e si sarebbe quindi allontanato con la macchina ma sarebbe stato inseguito e costretto a fermarsi. Sicilia avrebbe tentato la fuga a piedi ma sarebbe stato colpito, alle spalle, da diversi colpi di pistola. Il presunto assassino è poi andato via, mentre Sicilia veniva soccorso dalla sorella, che aveva sentito gli spari. L’uomo che ha sparato si è presentato alla questura di Cosenza.

Si chiama Carmine Cristini, 31 anni, l’uomo che si è costituito questa notte dopo l’omicidio di Stanislao Sicilia, 29 anni, ucciso a Montalto Uffugo, nel Cosentino, in contrada Vaccarizzo. Per il delitto, secondo quanto accertato dai carabinieri, è stata utilizzata un’arma calibro 9.

Cristini, che è stato bloccato dalla polizia nell’abitazione di un parente, a Bucita di San Fili, in questo momento è sotto interrogatorio nella questura di Cosenza, da parte del pm Giuseppe Cozzolino.

L’uomo è un ex collaboratore di giustizia, avendo fornito diverse informazioni alla procura di Cosenza, utilizzate per effettuare alcune operazioni contro la criminalità organizzata locale. Per questo è stato anche sotto protezione. Avrebbe poi commesso una rapina e per questo sarebbe stato stato estromesso dal programma.

fonte:cn24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.