contatore stats Movimento Cinquestelle: Garanzia Giovani si è rivelato un fiasco | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

 

Movimento Cinquestelle: Garanzia Giovani si è rivelato un fiasco

movimento cinquestelle annuncia il fallimento dell'idea garanzia giovani

 

Garanzia Giovani era stato presentato come uno strumento in grado di dare risposte alla disoccupazione dalle percentuali preoccupanti soprattutto fra gli under 35. In realtà si è rivelato un mezzo flop, almeno secondo gli europarlamentari 5 Stelle Marco Valli, Laura Agea e Laura Ferrara che hanno partecipato, in qualità di membri della Commissione “Controlli e bilancio” del Parlamento europeo, alla visita ispettiva della Ue in Calabria e Sicilia. «In una regione con il 57,9% di disoccupazione giovanile, “Garanzia giovani” – scrivono i pentastellati – purtroppo porta con se’ diverse problematiche irrisolte, tra le quali: ritardi nei pagamenti, scarsi controlli e mancanza di trasparenza».

A sostegno della loro tesi gli europarlamentari citano anche la relazione della Corte dei Conti europea, che attesta come «il piano non ha portato finora risultati soddisfacenti in termini di creazione di nuovi posti di lavoro. Per questo, è necessario cambiare rotta, orientando il programma al conseguimento di risultati concreti al fine di aumentare concretamente l’occupazione giovanile in sinergia con lo sblocco degli investimenti pubblici. Le criticità sono anche di natura amministrativa e burocratica: i giovani lavorano e spesso non solo non ricevono la retribuzione, ma devono anche anticipare di tasca propria le spese per il trasporto e il vitto. Abbiamo chiesto i motivi di questi ritardi ma nessuno, dalle autorità nazionali a quelle regionali, ci ha fornito motivazioni valide scaricando la colpa sull’Inps. Una vergogna soprattutto in un Paese nel quale chi governa non si fa mancare stipendi e rimborsi d’oro. La Regione Calabria ha gravi problemi nei controlli, notificati anche dalla Commissione europea: per questo motivo, nel 2015, è stata sospesa una parte del Fondo Sociale, pari a 71 milioni di euro. L’Amministrazione è in ritardo rispetto al resto d’Italia e lontana anni luce rispetto all’Europa».

Meno catastrofica è l’analisi di Martina Dlabajova, vicepresidente della Commissione che però ammette che «Se ci sono dei problemi o delle criticità, il compito più importante è sempre quello di verificare se c’è l’impegno e lo sforzo di risolvere e superare queste criticità. Personalmente questo sforzo l’ho visto. La Regione Calabria ha fatto dei passi concreti. Io credo a questi cambiamenti e vigilerò sui risultati». Infine l’europarlamentare del Pd, Andrea Cozzolino «Non abbiamo fatto una visita di cortesia. Abbiamo fatto una visita di lavoro – ha sottolineato – in cui ci siamo detti le cose come stanno. Abbiamo visto le criticità che fanno parte di un periodo molto precedente e abbiamo verificato la nuova fase politica che sta attraversando la Calabria. Noi incoraggiamo questo sforzo. La Calabria può utilizzare le risorse comunitarie con trasparenza e puntando al raggiungimento degli obiettivi. “Garanzia giovani” è solo una piccola parte di un programma di 2 miliardi di intervento».

 

 

 

Fonte: Quotidiano del Sud

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.