contatore stats L'Unione Nazionale Consumatori scrive a Occhiuto: "ZTL non conformi al codice della strada" | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

consigliata da tuttocosenza

L’Unione Nazionale Consumatori scrive a Occhiuto: “ZTL non conformi al codice della strada”

 
L’Unione Nazionale Consumatori di Cosenza scrive al sindaco e alla polizia municipale per chiedere le opportune modifiche delle ZTL e renderle conformi alla normativa del codice della strada
 
ZTL-Cosenza02-735x400
 
COSENZA – La lettera è stata recapitata al sindaco della città di Cosenza, Mario Occhiuto e al comandante della Polizia Municipale di Cosenza.
 
“Ci vediamo costretti a formularLe la presente – scrive l’avv. Pierluigi Basile che è stato anche intervistato su Rlb in merito alla questione – in merito alla problematica delle ZTL che ha raggiunto livelli allarmanti per la popolazione cosentina
 
“In particolare, ci preme segnalarLe che nei primi 9 mesi dell’anno corrente, dal numero registri verbali del Comando Polizia Municipale di Cosenza parrebbe siano state elevate oltre 108 mila (centoottomila) contravvenzioni, quasi tutte per le ZTL installate all’inizio dell’anno corrente nel centro cittadino, sebbene circa 30.000 siano state annullate fino al 1° aprile scorso.
 
Peraltro, da informazioni ufficiose, in questi giorni pare siano pervenute all’ufficio postale circa 17.000 (diciassettemila) ulteriori raccomandate da recapitare ai cittadini per le medesime infrazioni. A ciò si aggiunga che pendono centinaia di ricorsi presso gli uffici del Giudice di Pace di Cosenza che comporteranno sensibili spese per l’amministrazione comunale”.
 
“Come ben sa – prosegue la missiva – la città di Cosenza conta meno di 70.000 abitanti, molti dei quali dimoranti fuori sede per ragioni di studio e/o di lavoro, molti altri dei quali privi di veicoli a motore. Appare indubbio che il solo dato numerico delle infrazioni rilevate debba spingere ad una seria riflessione finalizzata a porre fine, o quanto meno rimedio, ad una situazione che ha raggiunto limiti allarmanti. CONTINUA A LEGGERE SU QUICOSENZA
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*