contatore stats La leggenda du Monachiallu…. | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

 

La leggenda du Monachiallu….

FantasmaSi racconta, da moltissimi anni, che vive un essere alquanto pestifero, simile ad un nano. Una figura molto particolare che viene chiamata “U monachiellu“, ovvero un folletto, scherzoso ed innocuo che combina tutta una serie di guai e stravaganze. E’ chiamato monachiellu perché alla fantasia popolare spesso si presenta nella figura di un fraticello o monachello vestito di bianco con un berretto rosso e tavolette leggere appese agli omeri che, agitandosi nel suo cammino, producono rumore. Altre volte è vestito con abito rosso ed un berretto azzurro. Dicono anche che sia uno “spirito folletto” , cioè uno di quegli angeli ribelli meno cattivi, i quali rimasero sospesi nell’aria e scendono fra gli uomini come amici e per buon augurio.
 
I fatti attribuiti al folletto sono innumerevoli e si assomigliano tutti: fa salti bizzarri, suona con le nocche delle dita a tamburello sulle casse, striscia celermente da capo a fondo delle scale, veglia accanto al focolare, si affaccia alle finestre facendo sberleffi, culla perfino il bambino, strappa coperte e lenzuola a chi dorme, scopa la casa e fa tutta una serie di scherzi.
 

Chi riesce a catturare u monachiallu, diventa ricco. Il momento opportuno per farlo è quando si è in dormiveglia e il Monachiellu ti salta sul petto. Egli diventa sempre più pesante, è necessario catturarlo presto prima che faccia mancare il fiato.
Secondo alcune versioni bisogna incappucciarlo con un vecchio cappello e sistemarlo sotto una “quarara” di rame. A quel punto gli si può chiedere quel che si vuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.