contatore stats La costa tirrenica cosentina si lecca le ferite dell'erosione | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

consigliata da tuttocosenza

La costa tirrenica cosentina si lecca le ferite dell’erosione

 
la_costa_tirrenica_cosentina_si_lecca_le_ferite_dell_erosione

 

Il Tirreno cosentino si lecca le ferite dopo i danni della prima mareggiata. Anno dopo anno la spiaggia si riduce e di conseguenza riduce al minimo le possibilità di resistenza di strade, lungomare e abitazioni. Un fenomeno che interessa buona parte della costa.
 
A San Lucido in alcuni punti l’arenile è pressoché scomparso e Fuscaldo sta diventando il centro limitrofo. Le protezioni non hanno retto l’urto a Messinette nei giorni scorsi: migliaia di euro ancora una volta gettati a mare.
 

È questa del resto la situazione che interessa anche Guardia Piemontese, Acquappesa, Cetraro, Cittadella del Capo di Bonifati. Anche se a breve dovrebbero essere avviati quei lavori di protezione organica che potrebbero in alcuni punti ridurre il rischio. A Tortora le minacce maggiori sono per l’abitato (a sud del fiume Noce) che ha subito danni a seguito dell’arretramento della battigia (dal 1985 al 1998) anche se a seguito di radenti e rinascimento artificiale la linea di costa si presenta oggi mediamente stabile.
 

L’evoluzione costiera cambia da Diamante in giù. Nella città del peperoncino a rischio il lungomare nord. A Belvedere sotto attenzione l’abitato di La Praia (la battigia arretra mediamente di 10 metri) e Capo Tirone, lungomare e linea ferrata (località Litterata) e strutture turistiche.
 

A Cetraro il porto ha causato una arretramento della battigia contrastato poi da opere di difesa del litorale. Acquappesa, Guardia Piemontese e Fuscaldo sono forse i tre centri del medio Tirreno dove l’arretramento è stato più accentuato, rispettivamente di 40, 50 e 100 metri. Qua le opere di protezione hanno poco aiutato.
 

A Paola invece le celle (le famose T) sono state provvidenziali e solo la linea a Nord dove è scomparsa la spiaggia è minacciata. Migliora la situazione invece a Falconara Albanese e Fiumefreddo, mentre a Longobardi il cedimento delle scogliere antistanti al lungomare ha più volte messo in pericolo il tratto a sud e la linea ferrata. Infine mentre migliora la situazione a Belmonte mentre ad Amantea ci sono situazioni di alto rischio in alcuni punti per la SS18.
 
Fonte:gazzettadelsud

Comments are closed.