contatore stats Intervista a Stefano Morrone «Il nuovo che avanza» | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

consigliata da tuttocosenza

Intervista a Stefano Morrone «Il nuovo che avanza»

Cosenza 20/09/2016  di Luca Le Piane
 

Luca Le Piane ha intervistato in esclusiva per TuttoCosenza Stefano Morrone, ex calciatore del Cosenza e attuale allenatore della Berretti del Parma Calcio.

Mister Morrone

 

Stefano Morrone nasce a Cosenza nel 1978. Cresce calcisticamente nel Cosenza dove compie tutta la trafila sino all’esordio in serie B nella stagione 1996/97.

 

Nella stagione successiva riparte dalla serie C1 da titolare inamovibile, facendo un ottimo campionato e conquistando subito la promozione in B sotto la guida di Giuliano Sonzogni.

 

Ma è nella stagione 1998/99 che avviene la svolta per Stefano, subito dopo la partita di ritorno in Coppa Italia contro la Lazio di Sven Goran Eriksson, dove si mette in mostra brillantemente nel centrocampo rossoblù.

 

Vien infatti acquistato proprio dalla società capitolina in comproprietà con l’Empoli. Lascia Cosenza a fine ottobre ’98 e disputa un ottimo campionato con i toscani, pur non riuscendo ad evitare la retrocessione in B.

 

Da quel momento in poi milita in diverse squadre di A e B, Piacenza, Venezia, di nuovo Cosenza, fino all’approdo di nuovo nella massima serie con il Chievo Verona. Ma è nelle stagioni successive, a Palermo prima e a Livorno poi, dove raggiunge la consacrazione definitiva. Mette a segno sette goal in due campionati con la maglia del Livorno, che nella stagione 2006/07 gli valgono la convocazione in Nazionale, guidata da Mister Donadoni, per la partita Italia – Croazia.

 

Perno insostituibile del centrocampo, tutto polmoni, cuore e sostanza, Stefano si trasferisce a Parma, la sua attuale città, dove si afferma ulteriormente e diventando, dopo la retrocessione in B del club crociato, anche il capitano della squadra.
Molto amato dai tifosi, molto corretto in campo, Morrone è un professionista che ha lasciato sempre il segno in ogni squadra in cui ha militato, sia in termini di sacrificio e dedizione in campo e sia a livello umano, l’aspetto fondamentale del suo carattere.
Resta a parma per sette stagioni, poi viene ceduto in prestito in serie B dove disputa due buone stagioni con Latina e Pisa.

 

Appesi gli scarpini al chiodo, dopo oltre trecento partite in serie A e oltre 500 da professionista, Stefano diventa allenatore e ritorna nella città che forse più ha amato, dopo Cosenza, ossia Parma. Dapprima gli Allievi e poi la Berretti crociata, ha avviato il suo nuovo percorso, una nuova sfida, che inizierà sabato 24 settembre, alla guida della squadra gialloblù questa volta dalla panchina.

 

Tanti sono stati i maestri di calcio che Stefano ha avuto nella sua carriera e da ognuno ha carpito qualche segreto, negli allenamenti e in partita. Ma poi alla fine sei tu che devi guidare il gruppo, i giovani, sia sotto l’aspetto comportamentale sia professionale in campo.
L’impegno è quotidiano e costante, a 360 gradi e comporta una grande responsabilità. Gli piace molto allenare, specialmente i giovani e siamo sicuri che anche in questo ambito Stefano riuscirà a dare diverse soddisfazioni.

 

Stefano, infine, saluta tutti i tifosi del Cosenza calcio, la sua squadra del cuore, augurando di fare il grande salto per tornare nella serie che più gli compete, la serie B, e ringrazia la redazione di TuttoCosenza per l’intervista.

 

L’augurio mio e della redazione di TuttoCosenza a Stefano Morrone è quello di continuare così e di lasciare il segno anche da allenatore, ringraziando il figlio prediletto della città dei Bruzi che si è sempre distinto per impegno, professionalità e cuore, dando lustro alla terra che lo ha cresciuto e lanciato nel calcio che conta.

 

 

 

 

Comments are closed.