contatore stats Intervista a Francesco Caravetta | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

consigliata da tuttocosenza

Intervista a Francesco Caravetta ideatore del blog Antichi Delitti

Cosenza 23/05/2015 di Giandomenico Sica

33656_157646760924086_406195_n

Francesco Caravetta

In questi mesi il Blog di Francesco Caravetta “Antichi Delitti” sta spopolando sul Web e noi di TuttoCosenza abbiamo incontrato lo scrittore per farci raccontare il segreto di questo grande successo. Caravetta è un racconta storie, uno scrittore di saggi storici molto apprezzati che spazia dalla saggistica alla narrativa.

Francesco, per chi ancora non lo conosce, raccontaci qualcosa di questo blog molto seguito. << Il blog riporta alla luce storie di delitti dimenticati del nostro territorio dalla fine dell’Ottocento fino ai primi anni del 1950. Ci sono tante storie e molte anche cruente ed efferate. Quelle che mi colpiscono di più sono quelle legate a donne e bambini>>.

Come nasce la tua vita da scrittore ? << Io sono un demografo storico. Raccolgo documenti fin da ragazzo ma la prima ricerca fu sul Monastero Santa Maria del Soccorso di Scalzati e qui ebbi l’incipit per la stesura del romanzo “La fabbrica del Signore” del 2008 che si può scaricare gratuitamente dal sito internet  www.francescocaravetta.it >>. Altri tuoi lavori? <<” I peccati che vagiscono” del 2009 e “La parte sbagliata?” del 2010 che segna il passaggio dalla scrittura saggistica a quella narrativa in cui racconto la storia di una brigantessa dei primi dell’ Ottocento. Con questo romanzo sono stato finalista al premio Firenze e vincitore del premio “Gaetano Cingari” per i romanzi storici. In ultimo “Guagliuni i malavita” del 2013 in cui tratto le origini della malavita dal 1870 al 1931. Da questa ricerca è nata l’idea che ha segnato l’alba di Antichi Delitti. Sono molto orgoglioso perché Antonio Nicaso e Nicola Gratteri hanno caldeggiato la pubblicazione del libro>>.

Il blog è molto seguito in tutto il mondo ed in pochi mesi ha avuto un successo strabiliante. Ti senti di ringraziare i numerosi lettori? << Si ovviamente. Li ringrazio per tutti i numerosi contatti che abbiamo ogni giorno da tutto il mondo. Poi ringrazio la mia collaboratrice Cinzia Altomare – archivista scrittrice- che si occupa dei delitti avvenuti tra il 1500 ed il 1700. Ed infine ma non per ultimo l’Archivio di Stato di Cosenza perché tutte le ricerche sono condotte lì in quanto fonte inesauribile di documenti>>. La prossima fatica letteraria quale sarà? << Sarà incentrata sulla malavita organizzata nella Chicago di Al Capone. Ma non aggiungo altro>>.

Comments are closed.