contatore stats Cosenza - Prendocasa in azione occupato ex Enel | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

 

Prendocasa in azione occupato ex Enel

Occupazione simbolica del palazzo ex Enel. Il comitato ‘Prendo casa’ torna in azione per richiamare l’attenzione sull’emergenza abitativa.

Torna in azione il comitato ‘Prendo Casa’ e lo fa con l’’occupazione simbolica del ex palazzo dell’Enel, ‘ chiuso da anni e abbandonato al degrado e all’incuria – si legge nella rivendicazione  come tanti altri immobili pubblici e privati in questa città, è l’ennesima azione di denuncia pubblica sull’emergenza abitativa e sullo sperpero di enormi risorse pubbliche dalle varie compagini governative mentre la gente è alla fame.Le soluzioni che il governo sta arzigogolando per affrontare le povertà, ormai sempre più diffuse,sono l’ennesimo specchietto per le allodole e la conferma che non si vogliono trovare soluzioni concrete. Il modello adottato nel famigerato decreto Renzi-Lupi sulla casa lo si sta riproducendo in tutti i settori, dal lavoro con la beffa di garanzia giovani all’istruzione con la buona scuola,continuando a proteggere gli interessi di pochi a danno dei più.Operazioni di facciata che l’armata PD sta dispiegando, mentre le “torte” vengono spartite tra i soliti comitati d’affari lasciando quelle briciole utili solo a garantirsi prossime clientele. Nel frattempo cresce la povertà e il disagio abitativo, sfratti e pignoramenti sono all’ordine del giorno, la disoccupazione è ai massimi storici mentre l’art. 5 del piano casa continua a negare i diritti minimi, fondamentali, a quanti hanno avuto il coraggio e la dignità di occupare un alloggio contro i ponti prospettati da chi governa questo paese.Certo, siamo “forti” di una requisizione che è stata strappata con un anno e mezzo di lotta continua ma non basta e non risolve ne l’enorme disagio abitativo di questa città ne la speculazione edilizia che regna sovrana e che, grazie alla truffa dell’housing sociale ci regalerà altre colate di cemento. L’ex Enel è solo uno dei tanti palazzi vuoti di questa città che ci dimostra chiaramente che non serve altro cemento ma un piano di recupero e conversione delle centinaia di palazzi pubblici e privati vuoti che negli anni sono serviti a garantire lauti introiti ai palazzinari e a riciclare denaro sporco.Dopo l’ennesimo scandalo sulla gestione dei fondi Erp che ha travolto l’ex giunta regionale,quella attuale, con il suo assessore (fantasma?) De Gaetano, non ha ancora inteso rispondere aitanti appelli lanciati in merito a emergenza abitativa, patrimonio pubblico inutilizzato e cementificazione selvaggia. Cambiano i protagonisti ma le dinamiche restano uguali. Carrozzoni eclientele, speculazioni sui bisogni della gente e allegre spartizioni di risorse pubbliche.Come movimento per il diritto alla casa abbiamo creato situazioni di condivisione, di riappropriazione di spazio pubblico e di riaffermazione della dignità di ciascuno”.

Fonte:Gazettadelsud

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.