contatore stats Cosenza, incassavano le pensioni dei familiari morti | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

consigliata da tuttocosenza

Cosenza, incassavano le pensioni dei familiari morti

 
guardia di finanza_1
 
COSENZA – Dopo aver avviato alcuni controlli campione sulle pensioni intestate a ultranovantenni, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Cosenza su disposizione del Procuratore della Repubblica di Castrovillari, Eugenio Facciolla e dal Sostituto Procuratore della Repubblica, Angela Continisio, hanno notificato provvedimenti di sequestro nei confronti di soggetti delegati o cointestatari di conti sui quali l’Inps ha erogato e continuava ad erogare indennità di pensione in favore di loro familiari da tempo deceduti, per un importo complessivo di 452.540,31 euro.
 
Più in dettaglio dall’operazione Highlanders era emerso che alcuni dei soggetti intestatari, sebbene deceduti, continuavano a percepire indennità di pensione anche dopo la data di morte. A seguito delle interrogazioni effettuate alle banche dati in uso al Corpo, nei confronti di circa 15.000 soggetti, rientranti negli elenchi forniti dall’Inps, sono stati interessati tutti i comuni della Provincia di Cosenza affinché ne comunicassero l’esistenza in vita o l’eventuale data del decesso dei soggetti residenti nel proprio territorio.
 
Gli approfondimenti hanno permesso alle fiamme gialle calabresi di appurare che, sebbene i pensionati fossero deceduti da tempo, «l’Inps aveva inconsapevolmente continuato ad erogare la pensione anche dopo la morte, a beneficio dei cointestatari/delegati dei conti, ove le provvidenze venivano periodicamente accreditate». Undici gli indagati denunciati per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato  per aver illecitamente percepito le pensioni di dieci soggetti deceduti da diverso tempo (quattro nell’anno 2012, due nell’anno 2013 e cinque nell’anno 2014).
 
Tra i denunciati spiccano due parenti i quali, cointestatari del conto corrente con il defunto, venuto a mancare nel 2012, hanno continuato a ricevere indebitamente, in concorso tra di loro, circa 62.000 euro. L’importo più alto l’ha raggiunto una cinquantacinquenne residente in provincia di Cosenza, che ha incassato illecitamente 77.075,35 euro per pensioni della congiunta defunta nel 2012.
 
fonte:Quotidianodelsud

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*