contatore stats Cosenza Antichi Delitti | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

consigliata da tuttocosenza

Cosenza Antichi Delitti

arcivescovado blog

 

È il pomeriggio del 12 maggio 1921, tra tre giorni ci saranno le elezioni politiche e, in città, le manifestazioni politiche si susseguono senza sosta. Oggi tocca al blocco nazionale di cui fanno parte anche i fascisti. Nel teatro Comunale sono assiepate quasi 1.500 persone, borghesi, camicie nere e qualche ex ardito fiumano in divisa che intonano inni e applaudono alle infuocate parole dell’avvocato Maraviglia, candidato in una circoscrizione romana ma che in città nessuno ha mai sentito nominare. C’è anche l’onorevole, ex ministro reggino, Giuseppe De Nava con al seguito un agguerrito manipolo di camicie nere. L’occasione è di quelle speciali perché non si tratta soltanto di invitare a votare per i candidati, ma si sta presentando il gagliardetto della sezione del fascio.

Terminata la manifestazione all’interno del teatro, la folla si riversa in corteo lungo Corso Telesio con alla testa una camicia nera e un ardito fiumano a reggere l’asta con il gagliardetto. Il programma è di scendere fino a Piazza Valdesi per poi risalire fino alla Villa Comunale e, quindi, disciogliersi. Al passaggio della folla chiunque venga incontrato è obbligato a scappellarsi, pena una sonora bastonatura. Così, di scappellamento in scappellamento, ci scappa anche qualche schiaffo per i più riottosi, ma tutto sembra procedere senza grossi guai….CONTINUA A LEGGERE

Comments are closed.