contatore stats Contributo a fondo perduto per imprese in Calabria | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

consigliata da tuttocosenza

Contributo a fondo perduto per imprese in Calabria

Contributo a fondo perduto fino al 70% per le Imprese e Liberi Professionisti in Calabria.

 

La dotazione è dedicata agli interventi per favorire i processi di rafforzamento e ristrutturazione aziendale, l’introduzione di innovazioni produttive, l’efficienza e il risparmio energetico, la qualificazione della capacità produttiva, l’incremento dei livelli occupazionali e la competitività sui mercati di riferimento.
 

Il contributo è rivolto alle piccole e medie imprese con unità operative in Calabria e Liberi professionisti iscritti in albi o aderenti alle associazioni professionali di cui alla legge n. 4/2013 ed aventi unità operative in Calabria.

 

  • AREA GEOGRAFICA: Calabria
  • SETTORI DI ATTIVITÀ: Artigianato, Commercio, Industria, Servizi/No Profit, Turismo
  • BENEFICIARI: Liberi Professionisti, PMI, Micro Impresa
  • SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Arredamenti, Opere edili e impianti, Innovazione Ricerca e Sviluppo
  • TIPO DI AGEVOLAZIONE: Contributo a fondo perduto
  • DOTAZIONE FINANZIARIA: € 10.000.000
  • PROSSIMA APERTURA | In fase di attivazione

 

Pubblicata la pre-informativa relativa al Bando per il sostegno alla riorganizzazione e ristrutturazione aziendale.

Soggetti beneficiari

 

  • Piccole e medie imprese con unità operative in Calabria;
  • Liberi professionisti iscritti in albi o aderenti alle associazioni professionali di cui alla legge n. 4/2013 ed aventi unità operative in Calabria.

 

Tipologia di iniziative ammissibili

 

Interventi per favorire i processi di rafforzamento e ristrutturazione aziendale, l’introduzione di innovazioni produttive, l’efficienza e il risparmio energetico, la qualificazione della capacità produttiva, l’incremento dei livelli occupazionali e la competitività sui mercati di riferimento.
 

Tipologia di spese ammissibili

 

Le spese ammissibili per la realizzazione dei suddetti interventi devono riguardare l’acquisizione di:

     

  1. Progettazioni ingegneristiche riguardanti gli impianti, sia generali che specifici, studi di fattibilità economico-finanziaria, collaudi, spese di fidejussione;
  2. Macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività gestionale del proponente, ed esclusi quelli relativi all’attività di rappresentanza; mezzi mobili, esclusi i mezzi di trasporto targati, identificabili  singolarmente ed a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni
  3. Opere murarie ed impiantistiche (reti elettriche, idrauliche, ecc.) occorrenti per l’istallazione e collegamento dei macchinari acquisiti e dei nuovi impianti produttivi;
  4. Programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali del proponente, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l’attività svolta nell’unità produttiva interessata dal programma;
  5. Servizi reali che consentano la risoluzione di problematiche di tipo gestionale, tecnologico, organizzativo, commerciale, produttivo e finanziario. I servizi reali ammissibili sono relativi alle seguenti aree di attività: Strategia, General management; Marketing e vendite;  Produzione e supply chain; Organizzazione e risorse umane; Finanza.

 

Entità e forma dell’agevolazione

 

Importo massimo di € 200.000, fino a un’intensità massima del 70% dei costi ammissibili.
 

Procedura di selezione

 

Sportello valutativo, con verifica di ammissibilità e valutazione delle domande di agevolazione in base all’ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento delle risorse.
 

Iter di presentazione delle domande

 

Sarà possibile inviare le domande di agevolazione a partire dal mese di Settembre 2016. Pertanto, le imprese o i professionisti interessati a richiedere l’agevolazione, possono inviare preliminarmente all’indirizzo e-mail [email protected] le seguenti informazioni:
 

  1. Denominazione dell’impresa o, nel caso di professionista, il nome e il cognome specificando se è iscritto in albi o associazioni professionali di cui alla legge n. 4/2013;
  2. Recapiti telefonici;
  3. Comune e provincia in cui è ubicata l’unità operativa in Calabria (sede legale, amministrativa, operativa, ufficio, ecc.);
  4. Tipologia di spese che si intende effettuare attraverso l’agevolazione e l’importo massimo dell’investimento;
  5. Altre informazioni e/o esigenze aziendali utili allo sviluppo del business plan.

 

Le imprese e i professionisti che avranno inviato le suddette informazioni preliminari saranno ricontattati nei primi giorni di Settembre da un nostro Consulente al fine di fornire tutte le informazioni e per l’assistenza nella predisposizione, nello sviluppo del business plan e nell’invio della domanda di agevolazione non appena verrà aperto lo sportello di valutazione da parte della Regione Calabria.
 

Comments are closed.