contatore stats Che Sintomi ha la felicità?"L'Amministrazione Comunale venga a chiedercelo" | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

 

Che Sintomi ha la felicità?”L’Amministrazione Comunale venga a chiedercelo”

Cosenza – Curiosita’ di Giandomenico Sica

Una mattina di fine Luglio in cui il sole brucia tutto ciò che incontra nella Piazza – già Fera – Bilotti il disincanto , la frustrazione, la malinconia e il dissenso accompagnano gli occhi di negozianti e residenti.

 Marzio Ghionna e Reda Dawa

 

Atmosfera da road house nel deserto : caldo , polvere, sporcizia e rabbia. E soprattutto economia ferma  e stagnante. I negozianti della Piazza storica di Cosenza sono esasperati e sono al collasso. Il progetto di rifacimento della Piazza pedonale con il parcheggio sotterraneo iniziato nel lontano Maggio 2013 è ormai una buca senza fine e tutto ciò da oltre due anni rende impossibile l’esercizio commerciale.

La frustrazione più grande la cogliamo da Marzio Ghionna detto “Peppino” che dal 1958 gestisce lo storico bar della piazza << Questa piazza da oltre 20 anni subisce cambiamenti e depredazioni di ogni tipo. La rabbia è che non siamo mai stati interpellati e non ci hanno mai dato voce in capitolo su nulla. Io credo che, soprattutto, prima di iniziare una grande opera del genere avremmo dovuto aprire un tavolo di concertazione con tutti i delegati e capire il da farsi. Per noi negozianti e residenti sarebbe stato vitale. Ci saremmo regolati diversamente. Non voglio offendere nessuno, ma ora è arrivato l’irreparabile. E’durissima andare avanti così, la tensione è alta, è difficilissimo pagare i dipendenti e le tasse. Il Comune ci ha abbandonati e non ascoltati. La strada è strettissima, le lamiere incombono, la sporcizia è ovunque. L’unica cosa è stata toglierci la tassa sui rifiuti e sul suolo pubblico>>.

IMG-20150803-WA0005Il 19 Gennaio 2015 avete avuto un incontro con il Prefetto, il Sindaco e l’azienda. Cosa ne è scaturito? << La promessa che entro fine Luglio 2015 sarebbero stati consegnati i marciapiedi pavimentati con otto metri di spazio e tolte parti di lamiera. Siamo ad Agosto e questo non è avvenuto>>. La data di consegna finale dei lavori doveva essere l’ 11 Giugno 2015 e invece siamo ancora in alta buca.

Che speranze avete ? << L’unica speranza è che per Dicembre vengano consegnate la piazza pedonale e i marciapiedi. Il pizzico di ottimismo che abbiamo deriva dalla solerzia e dall’impegno con cui vediamo lavorare gli operai sei giorni su sette>>.

Un’altra testimonianza ancora più dolorosa arriva da Reda Dawa, un egiziano tutto d’un pezzo, che nel suo ristorante Kebab ha investito soldi e sogni.  E deve lottare in una situazione disarmante. Lui è nel centro della piazza e nessuno entra più nel suo esercizio. Polvere e sporcizia non sono spezie invitanti. Ma per chi arriva dalla terra in cui si venera Allah mollare non è contemplato. Il suo pensiero è racchiuso in queste amare parole << Ho investito tutto in questa attività e se non lavoro, non vendo io non ho entrate. Come posso pagare i debiti, le tasse e rimanere nelle spese. Non è possibile. Non lamento una riduzione dei profitti, ma la mancanza totale di entrate. Quando ho intrapreso questa attività non avrei mai potuto immaginare sarebbe andata così. Se solo lo avessi saputo avrei fatto altre scelte>>. Inshallah. Dio sia con voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.