contatore stats Bufera su Belen madrina al festival del Peperoncino | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

consigliata da tuttocosenza

Bufera su Belen madrina al festival del Peperoncino

 
Il Codacons ha chiesto all’Ufficio della Procura e all’Anac la verifica dei fondi pubblici della Regione. L’Accademia del Peperoncino: Manifestazione finanziata con fondi propri. Oliverio: Nessun fondo specifico offerto dalla Regione
 
belenRodrig
 
DIAMANTE «Com’è noto, la Regione Calabria ha deciso di finanziare la 25° edizione del Peperoncino Festival. Manifestazione che si terrà dal 6 al 10 settembre nella cittadina di Diamante. E così, anche quest’anno, “arte, cultura e gastronomia in salsa piccante”. Infatti madrina della manifestazione sarà la celebre soubrette Belen Rodriguez, che per la sua partecipazione, si narra , percepirà la modestissima somma di 60mila euro».
 
A riferirlo in una nota è il Codacons, il coordinamento delle associazioni che tutelano i consumatori. «Certo, queste somme potrebbero essere destinate ad altri fini. Ciò che è certo è che la Regione – sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons – da tutta questa storia ne esce non male, ma malissimo». «È un vero e proprio insulto alla miseria, perché – spiega Di Lieto – queste somme potrebbero essere destinate ad altri fini.
 
Per tale ragione, considerato che il compenso di Belen viene pagato dai calabresi – spiegano dal Codacons – abbiamo ritenuto doveroso chiedere all’Ufficio di Procura ed all’Anac di verificare come vengono gestiti i fondi pubblici in Calabria.«Inftti riteniamo che un cachet da 60 mila euro per qualche minuto di apparizione sia un insulto allo stato puro nei confronti dei Calabresi.
 

LA RISPOSTA DELL’ACCADEMIA DEL PEPERONCINO E DI MARIO OLIVERIO

 
L’ACCADEMIA DEL PEPERONCINO: «CACHET DA 30MILA EURO CON FONDI PROPRI» «In riferimento alle dichiarazioni di Francesco Di Lieto del Codacons, apparse su alcuni quotidiani italiani a proposito del cachet di Belen Rodriguez, l’Accademia italiana del peperoncino comunica di aver dato mandato all’avv. Nicola Carratelli per querelare Codacons, Francesco Di Lieto e i giornali interessati per la diffusione di notizie false che ledono gli interessi dell’Accademia italiana del peperoncino Onlus organizzatrice».
 
È quanto comunica, in una nota, l’Accademia del Peperoncino di Diamante, che organizza il Peperoncino Festival, sulla polemica seguita alla presa di posizione del Codacons in relazione al cachet di Belen Rodriguez ospite al Peperoncino Festival.
 
«Il cachet di Belen Rodriguez – è detto ancora nel testo – è di euro 30.000 come risulta dalla fattura allegata. E non di euro 60.000 come riportato negli articoli. L’Accademia non ha ricevuto alla data odierna nessuna comunicazione di finanziamento regionale. Ha presentato alla Regione Calabria un progetto per il venticinquennale del Peperoncino Festival con la richiesta di un cofinanziamento con i fondi europei.
 
Il 65 per cento a carico della Regione e il 35 per cento a carico dell’Accademia che organizza l’evento. Alla data del 21 agosto 2017 la Regione ha pubblicato l’elenco di 12 eventi ammessi in graduatoria ma non ha deciso e non ha dato notizia dei finanziamenti approvati e concessi. Allo stato dei fatti, se la Regione approverà il progetto e riconoscerà il cofinanziamento previsto, il 65 per cento del cachet di Belen sarà a carico della Regione e il 35 per cento a carico dell’Accademia. In pratica, per la Regione Calabria, un impegno inferiore a 19.000 euro».
 
OLIVERIO: «NESSUN FONDO SPECIFICO» «La Regione non ha dato contributi specifici per finanziare la partecipazione di show girls al Festival del Peperoncino così come di altre o altri operatori dello spettacolo negli eventi regionali». Così il presidente della Regione, Mario Oliverio è intervenuto sulla vicenda.  «La scelta del programma del festival Peperoncino – aggiunge la nota – infatti, è di esclusiva competenza dell’Accademia del Peperoncino».
 
FONTE: Corriere della Calabria

Comments are closed.