contatore stats Biglietto sul parabrezza per scongiurare la multa | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

consigliata da tuttocosenza

Biglietto sul parabrezza per scongiurare la multa

Scrive un messaggio e lo lascia sul parabrezza. La foto impazza sui social network. L’iniziativa di una giovane donna avvocato di Cosenza che contesta parcheggiatori abusivi e strisce blu.

54WYKRzYy2rrAOlqmxmiuZ0Eco=--

COSENZA – Sarà perché la guerra quotidiana dei parcheggi coinvolge tutti o forse perché l’idea di ribellarsi ai vigili fa gola, ma il messaggio scritto e lasciato sul parabrezza da una giovane donna avvocato di Cosenza è diventato un fenomeno travolgente sul web.

La protagonista della vicenda, N. G., ha fotografato il testo che ha scritto e firmato prima di lasciare l’auto senza il tagliandino del parcometro in un posto delimitato da strisce blu. Nel messaggio, rivolto ai “cari vigili”, si leggeva: “Ero sprovvista di soldi spicci, avendoli impiegati tutti per il tagliandino di ieri sera. Non ho potuto lasciare la macchina nemmeno nella zona sulla vostra destra. Potete, infatti, ammirare la presenza dei parcheggiatori abusivi. Non ho soldi spicci nemmeno per loro, ovviamente!”.

La giovane automobilista chiede in questo senso: “Prima di fare la multa a me, potreste segnalare ai vostri superiori presso il Comune la presenza dei parcheggiatori abusivi?”. Quello dei parcheggiatori abusivi, tra l’altro, è un caso che nei giorni scorsi aveva fatto registrare una svolta dopo che i carabinieri hanno compiuto una serie di blitz nel centro cittadino. E anche i militari dell’Arma hanno rilevato una persistente disattenzione sul tema.

Nel biglietto, poi, è rilevbato un altro problema: “Prima di emettere il verbale – scrive l’automobilista ai vigili – potreste appuntarmi sul retro di questo fogliettino dove si trovano le strisce bianche più vicine? Vi segnalo il compito: non ci sono!”.

Alla fine, comunque, la vettura parcheggiata sulle strisce blu la multa non l’ha avuta. I vigili non sono passati o il messaggio li ha convinti?

fonte:ilquotidianodellacalabria

Comments are closed.