contatore stats Trentasette coltellate accanto al Duomo | TUTTOCOSENZA

subscribe: Posts | Comments

 

Antichi Delitti – Trentasette coltellate accanto al Duomo

duomoblog

 

Ancora è buio alle 5 di mattina del 9 febbraio 1924. Fa molto freddo e per strada non c’è quasi nessuno. Dormono tutti o quasi anche in via Giuseppe Campagna, a Cosenza. Domenico Buscemi, un venditore ambulante di Girgenti che da qualche anno si è trasferito in città con tutta la famiglia, è in quello stato di pre-veglia, o forse sarebbe meglio definirlo di semincoscienza, che è tipico di chi nel sonno si rende conto che da un momento all’altro sentirà la sveglia suonargli nell’orecchio ma non vuole rassegnarsi all’idea di doversi alzare per guadagnarsi il pane.

Ma il suono lancinante che gli perfora i timpani e lo fa mettere a sedere sul letto con gli occhi sgranati non può essere quello della sveglia che sta ticchettando tranquillamente sul comodino. Buscemi si stropiccia gli occhi proprio mentre un altro suono lo colpisce.” Ma chi diavolo grida di notte?” pensa, poi sente un altro, questa volta disperato, grido e non ha più dubbi

– Aiuto! Domenico, Teresina! Aiutatemi che mi sta ammazzando! – a invocare aiuto è Giulia Piraino, sessantenne vicina di casa della famiglia Buscemi. In un lampo, Domenico si infila i calzoni e, scendendo le scale a quattro a quattro, si precipita in strada. Ansimando, si accorge che le grida provengono dal piano superiore dell’abitazione di Giulia e decide di buttare giù una delle due porte che danno accesso all’abitazione. All’interno le urla si fanno più concitate e sempre più vicine e, quando finalmente Buscemi riesce a sfondare la più piccola delle due porte, alla poca luce del lampione lì vicino che riesce a penetrare all’interno della stanza, si trova davanti una scena raccapricciante. Francesco Bianchi, sessantatreenne impiegato del dazio e convivente di Giulia, con un coltellaccio da cucina in mano e completamente nudo, sta colpendo ripetutamente la donna…..CONTINUA A LEGGERE..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.